Portone, protezione ed incubo.

Diana

Diana

 

Quel giorno stavo in portineria e stavo recitando il rosario. Doveva essere l’inizio dell’estate. A un certo punto suonò la campanella del portone d’ingresso, tre o quattro squilli decisi: “Chi sa chi è a quest’ora” pensai: andai ad aprire. Guardai attraverso lo spioncino, ma non vidi nessuno; aprii la portella, affacciai la testa fuori dal portone, guardai a destra e a sinistra: niente. Qualche monello mi ha fatto uno scherzo, dissi tra me, quando, abbassando lo sguardo, vidi una bambina.

Era una bella bambina, bionda, con gli occhi azzurri; era vestita abbastanza bene per quei tempi, ma era tutta sporca. Capii subito il guaio. Poteva avere un paio d’anni, la presi in braccio e…..

pg 8 da “19 Sordi” (diritti riservati)

Un pomeriggio d’inverno lo svegliò una bambina, probabilmente era da un po’ che lo scuoteva quando lui aprì gli occhi; la guardò sorpreso e cercò intorno con gli occhi se vi fosse qualcun altro, ma non vide nessuno. Era vestita a sufficienza per la stagione e aveva un insolito cappottino rosa. Gli disse: “Accompagnami”  e lui si alzò. Era molto indeciso, temeva che ci fosse qualcosa sotto, che volessero farlo passare per qualche malintenzionato, ma la bambina gli ripeté la richiesta: non aveva l’espressione di chi ha paura di andar da solo o di chi si è smarrito, ma piuttosto quella di chi vuol farti vedere qualcosa. Alla fine prevalse il senso di protezione e le disse:”Va bene, vai avanti che ti seguo”, pensando che fosse il modo più prudente di accontentarla. Si allontanarono di un bel po’ dal ponte e arrivarono in una zona del centro storico che lui non conosceva; ne era un po’ meravigliato, ma la sua attenzione era rivolta a non perderla di vista. Arrivarono a un grande portone………..

pg  44 da “19 Sordi” (diritti riservati)

Poi la bambina si alzò per andargli incontro e lo accompagnò verso l’uscita e poi per un pezzetto di strada, all’incrocio fra via Malennio e via Dasumno, lo salutò agitando appena la mano destra e tornò indietro, lui proseguì senza sapere dove andasse e quando arrivò al suo ponte

pg  45 da “19 Sordi” (diritti riservati)

Portone

Portone

Comments

comments

Lascia un commento