Nasce “19 Sordi”

19 puntate, per un Percorso in sintesi 


Teresa Anna Rita De Salvatore nasce a Lecce e vive a Castelsardo.

Cresce tra enormi difficoltà. Frequenta il Classico e si laurea in Filosofia.

Il suo percorso interiore è totalmente condizionato da un contrasto, che le si presenta a 15 anni, tra il marxismo  ateo e la sua profonda fede religiosa.

Incredibilmente, dialogando su facebook  – questa è storia che molti già conoscono -, ha modo di riesaminare le problematiche della gioventù e comincia a scrivere, riesumando una passione connaturata e trascurata.

Ringrazia gli amici di facebook rendendoli protagonisti attivi dei primi due libri pubblicati, entrambi con lo pseudonimo di Terry Salentina: AMNIOS, raccolta di testi poetici e di dialoghi, con Photocity edizioni; RITORNO, silloge poetica, con Aletti editore.

Contemporaneamente alle prime poesie comincia a scrivere il suo primo romanzo, dove presenta in un modo inaspettato, fra il fiabesco, il visionario e l’onirico, quel contrasto che, negli anni ’65-’75, segnò la vicenda culturale e umana di tutti. Dopo una gestazione durata ben cinque anni, nasce “19 SORDI”.

E’ presente in Antologie poetiche della Casa Editrice Pagine [I poeti contemporanei n°14, n°33]; della ALETTI Editore [Per la collana “L’indice delle esistenze”: I Ricordi (racconto), Le Passioni, L’Italia, Il Futuro, Le diversità. In “Il Tiburtino 2014 SIBILLA”];  della Editrice Agemina [Borghi Città e Periferie]; di Rupe Mutevole Edizioni [Melancholy Collection].

29 Feb, 2016

 _____________________________________________________________________________________________________

 

Concepimento

“19 Sordi” fu concepito senza alcun titolo nel 2009. Ebbe un incipit dialettale che scrissi in un file, che poi mandai a un’amica sfidandola a tradurlo, che poi persi perché il computer morì, che poi, quando mi decisi, anni dopo a riprenderlo in mano, chiesi a quell’amica di cercare, che poi l’amica cercò, trovò e mi rispedii. Ho quindi un testimone che tutto è nato dal dialogo e dall’amicizia spontanea e semplice.

Ora ho ritrovato quella prima pagina in dialetto e ve la regalo qui, anche per voi senza traduzione. Buon divertimento!

la vecchia suora (2)23 Marzo 2016

 

 

51YY8KBWipL