Lecce. Fratta nel ricordo.

                      Chi racconta gl’incubi antichi

                    di una città colta, isolato tempio

                    in un retroterra di formiche?

                      L’Idume vi scorre sotto

                    a impregnare di odore marcescente gli antichi palazzi

                    e le modeste case

                   e in quella

                    in via Malennio

                    le pareti grondano acqua anche d’estate

                    e dal pavimento sfondato fuoriescono limacidi

                    e la notte coccodrilli popolano il sonno.

                      Chi racconta i sogni dei poveri

                    quando alla festa di Santa Lucia

                    si usciva più presto da scuola

                    e si andavano a vedere in piazza i presepi

                    e il cuore pulsava di magia

                    e il presepe fatto in casa

                    non vinceva mai un concorso

                    e chi veniva mai a vederlo?

                    e le befane comunali per i bimbi

                   erano di maglie di lana

                   e di giocattoli piccoli,

                  che quelli grandi erano sui ripiani alti

                  degli scaffali e tu sapevi

                  che sarebbero andati a bambini ricchi,

                  perché anche la Befana vera faceva così.

                    Ma tu, città d’arte, facevi ricchi tutti

                e ancora e sempre

                poche cose al mondo fanno meraviglia

                a chi qui è nato.

Comments

comments

One thought on “Lecce. Fratta nel ricordo.

Lascia un commento