Lu uagnone de la saurra Il ragazzo della zavorra

 

Nella costruzione te nu Parite si mette una pietra da una parte,un’altra dall’altra parte e in mezzo si riempe di saurra, piccole pietre che uniscono e amalgamano le pietre più grandi. In Italiano è zavorra, ma il termine è infelice: se nu Parite è costruito con la saurra in mezzo non cade mai,perché’ la pioggia non svuoterà mai lu Parite!

La Pagghiara è una costruzione per conservare la paglia.

Lu uagnone de la saurra

 

Aggiu istu nu vagnone

scia parlandu cu le petre,

nu parlaa comu a mie,

ma decìa decìa decìa

e nnu picca lu capìa.

Scia decendu: ”Si piccicca,

mo te ccogghiu pe cchiù tardu;

poi te mintu  ammienzu ammienzu

cu le ndrizzu quiddhre storte”.

“Tie si rossa – poi decia-

t’aggiu mintere quancoste

pe ddhra menza scalunata

pe nchianare a cupertura”.

Mo, nu b’ete ca decia

propriu comu ieu sta dicu,

ca li numi iddhru sapia

de ogne petra e de ogne chianca.

E nu picca rozzulaa

quando petra ruzzulaa,

ca lu fabbrecu precisu

come chiescia ia bessìre,

no de quiddhre fatte a tufu

e squadrate cu la pialla,

se no l’umetu pigghiannu

e la paggia nfrascetìa.

Megghiu se scrascià le manu

cu ddhre pethre toste e tise,

quarche fiata castemandu,

quarche autra poi retendu.

Alla menza, sutta a n’arberu

se settaa cu se ddefrisca

cu le sagne te la mamma

e lu mieru te lu sire,

ca rrubbatu ni l’haia.

E uardaa tuttu presciatu

e pensaa: ”Megghiu de mie?

mancu Angelu architettu,

lu Michele te Paulu terzu.

Cate prima lu Sanpiethru

te st’artistica pagghiara”.

E siccomu ncora brilla,

scià betitila, beddhrazzi.

Sci thruati nnu cristianu

ca bu pare ca sta sthroleca

“la saurra, la saurra”

ete iddhru ca se gloria

cituu cittu e cuntegnusu.

E bu cunta la soa storia.

 

Il ragazzo della zavorra

 

Ho visto un ragazzo

Andava parlando con le pietre,

non parlava come me,

ma diceva diceva diceva

e un poco lo capivo.

Andava dicendo: “Sei piccolina,

adesso ti conservo per più tardi;

poi ti metto in mezzo in mezzo

per raddrizzare quelle storte”.

“Tu sei grossa –poi diceva-

Ti debbo mettere qui affianco

Per quella mezza scalinata

Per salire sulla copertura”.

Ora, non è che dicesse

Proprio come io sto dicendo,

ché i nomi lui conosceva

di ogni pietra e di ogni tavellone.

E un poco borbottava

Quando una pietra rotolava,

che la costruzione precisa

come chiesa doveva uscire,

non di quelle fatte a tufo

e squadrate con la pialla,

se no l’umido assorbivano

e la paglia infradiciava.

Piuttosto si scorticava le mani

Con quelle pietre dure e rigide,

qualche volta bestemmiando,

qualche altra poi ridendo.

A mezzogiorno, sotto un albero

Si sedeva per ristorarsi

Con le lasagne della mamma

E il vino rosso del padre,

che gli aveva rubato.

E guardava tutto soddisfatto

E pensava: “Meglio di me?

Neanche Angelo architetto,

il Michele di Paolo terzo.

Cade prima San Pietro

di quest’artistica pagghiara”.

E siccome ancora brilla,

andatela a vedere, belli al cuore.

Se trovate un uomo

Che vi sembra stia vaneggiando

“la saurra, la saurra”

È lui che si gloria

Zitto zitto e contegnoso.

E vi racconterà la sua storia.

pagghiara acaia (2)

 

 

 

 

Comments

comments

Lascia un commento